Gli andamenti del mercato italiano del gas

//Gli andamenti del mercato italiano del gas

Gli andamenti del mercato italiano del gas

A cura del GME

Nel 2017 i consumi di gas naturale in Italia, al terzo rialzo tendenziale, confermano la progressiva ripresa rispetto al valore minimo raggiunto nel 2014, permanendo tuttavia ancora su livelli inferiori a nove anni fa, quando iniziarono ad arretrare.

Diffusa la crescita nei tre principali settori, tra i quali spicca quello termoelettrico con consumi ai massimi degli ultimi sei anni, sostenuti sia dalla ripresa della domanda di energia elettrica che dal concomitante calo della produzione da impianti a fonte rinnovabile, in particolare idraulica. Positiva la performance anche del settore industriale i cui consumi salgono sui livelli del 2008; più contenuta la ripresa del settore civile.

Sul lato offerta, le importazioni di gas naturale si confermano come la principale fonte di approvvigionamento (81% del totale), portandosi poco sotto i 70 miliardi di mc. Per contro la produzione nazionale scende ai minimi storici. In ripresa, invece, sul livello massimo le erogazioni dai sistemi di stoccaggio, mentre si riducono le iniezioni.

In termini di prezzi, le quotazioni al PSV invertono la tendenza ribassista degli ultimi anni e crescono del 26% dal livello minimo del 2016. Nei mercati del gas gestiti dal GME, al primo anno di piena operatività nel nuovo contesto regolatorio, segnali di ripresa arrivano sia dalla contrattazione a pronti che, per il primo anno, da quella a termine, con volumi scambiati pari a circa il 6% della domanda complessiva di gas e prezzi lievemente inferiori alle quotazioni al PSV.

2018-01-24T10:48:57+00:0023 Gennaio 2018|